Categoria: Cinema

Percorsi di Cinema

CONVERSAZIONI con Laura Modini  33° incontro GIOVEDI’ 29 NOVEMBRE ORE 17 omaggio a   SALLY POTTER (The Party) Regista britannica, nata nel 1949 a Londra. Il suo primo film, “Gold Digger”, del 1983 è realizzato con una troupe tutta al femminile: interpretato da Julie Christie , Kassandra Colson e Siobhan Davies . È stato scritto da Sally Potter e Rose English .F otografie di Babette Magolte e una colonna sonora di Lindsay Cooper . Presentato al Festival di Berlino, di Rotterdam, e in Australia, in Italia ha avuto spazio solamente al Firenze Film Festival. Gli altri suoi film in ordine: I Am an Ox, I Am a Horse, I Am a Man, I Am a Woman (1988) Orlando (1992) Lezioni di tango (1997) The Man Who Cried – L’uomo che pianse (2000) Yes (2004) Rage (2009) Ginger & Rosa (2012) The Party (2017) Cortometraggi: Jerk (1969) Hors d’oeuvres (1970) Black & White (1970) Play (1970) Thriller (1979) girato anche in Italia London Story (1980) Voglio omaggiare questa regista visionaria che mi ha conquistata con il suo film Orlando, poi con Lezioni di Tango. Orlando tratto dal romanzo di  mi ha stupita per la sua capacità di unire parole, immagini, musica e pensiero. Magnifico. Un’unica immagine: la scena del labirinto! A Luglio 2018, a lei viene consegnato il Nastro europeo 2018! per il film: THE PARTY Ecco la notizia: Per la prima...

Read More

Percorsi di Cinema

CONVERSAZIONE con Laura Modini 31°  incontro 29 novembre 2017  ore 20.00 Ultimo incontro dell’anno. Su richiesta di una nostra giovane amica, parliamo di cinema iraniano. Quindi puntiamo su una grande artista che ha saputo dare nel fare cinema, quel tocco tocco in più della sua arte :  SHIRIN NESHAT Nata il 26 marezo 1957 Qazvin, capoluogo della regione omonima situata nell’Iran nord-occidentale. Artista di arte visiva contemporanea  nella fotografia, video e cinema. Nella sua opera viene analizza la difficile condizione sociale all’interno della cultura islamica, con particolare attenzione alle donne, analizzando il significato sociale, politico e psicologico dell’essere donna nelle società islamiche contemporanee. Neshat attivamente resiste alle rappresentazioni stereotipate dell’Islam, i suoi obiettivi artistici non sono esplicitamente polemici. Piuttosto, il suo lavoro riconosce le forze intellettuali e religiose complesse che modellano l’identità delle donne musulmane nel mondo intero. Come fotografa e video-artista, Shirin Neshat è famosa per i suoi ritratti di corpi di donne interamente ricoperti da scritte in calligrafia persiana. Dal 1999 realizza numerosi cortometraggi, installazioni, lungometraggi. film: 2017 Looking for Oum Kulthum – presentato alla mostra di Venezia 2017 2013 Illusions and mirror (corto) Venice 70: Future reloaded (documentario) 2011 Beginning of the cold season (corto) Egypt in my hearth (corto) 2009 Donne senza uomini (lungometraggio) Mostra di Venezia 2009-     Leone...

Read More

Percorsi di cinema 30

25 ottobre 2017 . . .  ore 20.00 CONVERSAZIONE con Laura Modini 30°  incontro   “remake sostantivo Nuova versione o rifacimento di un vecchio film, spettacolo teatrale o di un libro di successo” Con il suo ultimo film presentato a Cannes quest’anno, “L’inganno”, Sofia Coppola propone il remake del film  “La notte brava del soldato Jonathan” (1971), il cui titolo originale è “L’inganno”. Sofia Coppola Mi sono posta e pongo alcune domande: perchè fare un remake? sono più i registi o anche le registe usano tale tecnica? quale film ci guadagna di più, l’originale o il rifacimento? Nella storia...

Read More

Percorsi di cinema

VENERDI’ 29 settembre 2017 ORE 20 Conversazioni con Laura Modini – 29° incontro VENERDI’ 29 settembre 2017 ORE 20 Dedico questa serata alle mie amiche donne di scienza: Sara Gandini che mi ha suggerito il film, Sara Sesti per il suo continuo e amorevole lavoro di diffusione della conoscenza delle donne scienziate ma non solo. 150 milligrammi (La fille de Brest), dramma diretto da Emmanuelle Bercot ispirato alla vera storia di Irène Frachon, intepretata da Sidse Babett Knudsen Un film realizzato da: Emmanuelle Bercot  La regista ha saputo arricchire di emozione e amore il racconto su un grande territorio, l’uso dei farmaci, la loro sperimentazione e i rischi, presunti pensati, ipotizzati ma non riconosciuti. La scienza: campo ricco di possibilità immense per il bene di tutte e tutti, ricco anche di fama, onori e denaro, dimenticando spesso gli oneri e i rischi. Oso dire un campo affascinante nel quale sempre più donne vi si cimentano ma che, con orgoglio mi sento di affermare, non si fanno abbagliare come,  ho sempre notato, si fa abbagliare il mondo maschile, sempre più preda del dio denaro e del dio...

Read More

Percorsi di cinema

  Conversazioni con Laura Modini 28° incontro MERCOLEDI’ 29 MARZO 2017 ore 20 Lina Wertmuller all’anagrafe: Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich Con un tale pomposo chiamarsi, o diventava una Nobel, oppure una donna blasé o una istrionica, ironica donna di oggi. Lina  —   è diventata una regista cinematografica, teatrale e altre varie definizioni che ha fatto dell’ironia la sua arma vincente. una ironia alle volte sopra le righe, intrisa di cliché, impietosa, forse indifferente alla marcatura della differenza. PROPOSTA PER L’OSCAR ALLA CARRIERA 2016, LE HANNO PREFERITO JACKI CHAN, miracoli o perversioni della politica. Questa notizia mi ha fatto soffermare sulla figura e l’opera di questa poliedrica regista, spesso snobbata dalle femministe e quindi anche da me. Voglio ora renderle giustizia. Conoscerla meglio e farla conoscere. Parlare di questa giovane di 88 anni sintetizzando una vita lavorativa notevole, è quasi impossibile, almeno per me. Ho scelto un articolo di una giornalista che riesce a tracciarne bene l’essere e l’opera. “Lina Wertmuller 88 anni di” di Camilla di Spirito – 14 agosto 2016 Fisico minuto, capello corto, indole irriverente. Lina Wertmüller compie oggi 88 anni, conservando inalterata la vivace e scanzonata aria di chi ha ancora voglia di divertirsi. Il debutto nel mondo del cinema, dopo la parentesi teatrale e quella televisiva, avviene nel 1962 come aiuto regista di Federico Fellini sul set di 8½. L’anno...

Read More

Calendario

ARCHIVIO